Rifiuti, Eurispes: per un italiano su 4 questione più urgente

venerdì 25 gennaio 2008 12:50
 

ROMA (Reuters) - Gli italiani considerano il problema dei rifiuti la questione più urgente da affrontare in materia ambientale, prima del riscaldamento del pianeta e dall'inquinamento atmosferico.

Lo si evince dal rapporto Italia 2008 di Eurispes presentato oggi a Roma.

"Il 26,9% degli italiani considerano quella dei rifiuti la questione più urgente da affrontare", si legge nel rapporto, che affronta un problema cronico in Italia riemerso in questi mesi con l'emergenza dei rifiuti in Campania.

"L'effetto serra/riscaldamento del pianeta viene indicata, invece, come una seconda area di intervento urgente, raccogliendo il 23,6% delle risposte".

Seguono l'inquinamento atmosferico e il problema energetico, citati rispettivamente dal 20,5% e dal 19,3% dei cittadini mentre sembra preoccupare meno gli italiani il dissesto idrogeologico (4,1%).

Ben il 78,8% degli italiani si dichiarano disposti fare sacrifici per ridurre i consumi a fronte di un 17,2% di coloro i quali non sono disposti ad adottare comportamenti responsabili.

Gli italiani sono per la maggior parte disposti ad adottare comportamenti utili a favorire il risparmio energetico ed idrico. Lo sono in maniera rilevante quando si tratta di usare le lampadine a basso consumo (85,2%) o quando si tratta di non lasciar scorrere troppa acqua mentre si insaponano o si lavano i denti (84,7%).

Più di un italiano su due ritiene inoltre di avere una buona conoscenza delle emergenze che riguardano l'ambiente.

Sempre in tema di rifiuti, l'Eurispes mette in evidenza la problematica gestione del Lazio e della discarica di Malagrotta, la più grande d'Europa, che giudica "una delle aree più a rischio d'Italia per la complessa situazione ambientale".

 
<p>Rifiuti bruciano in strada a Napoli. REUTERS/Salvatore Esposito/Agnfoto</p>