Calcio, stadi italiani tra gli ultimi in Europa, dice StageUp

lunedì 8 settembre 2008 09:57
 

di Antonella Ciancio

MILANO (Reuters) - Gli stadi italiani della serie A sono fra i più vecchi e meno frequentati d'Europa.

E' quanto emerge dall'analisi della società di consulenza StageUp Sport & Leisure Business, che ha messo a confronto gli stadi a disposizione dei cinque principali campionati europei.

Le 20 società della Serie A italiana giocano in 16 stadi che hanno un'età media di 67 anni, mentre le altre quattro "big" europee hanno a disposizione un maggior numero di stadi, più frequentati e in migliori condizioni.

L'urgenza di risolvere il ritardo italiano nel business degli stadi -- che prevede investimenti pari a 6 miliardi di euro entro il 2015 per la realizzazione di nuovi impianti di cui 4 miliardi solo per gli stadi -- è da molto tempo sotto la lente di club, Coni e governo.

"I dati - ha detto in una nota Giovanni Palazzi, presidente e ad di StageUp - sottolineano nuovamente la necessità, non solo per il calcio, ma per tutto il Sistema Italia dell'avvio della costruzione di nuovi stadi multifunzionali di 3a generazione, attraverso interventi di project financing, e soprattutto delle necessarie professionalità di progettazione, pianificazione e gestione di essi".

Il problema potrebbe farsi più stringente a fine settembre, quando l'Uefa si riunirà per decidere se continuare ad affidare a Polonia e Ucraina l'organizzazione degli Europei 2012, riaprendo, in caso di una bocciatura, le porte a una candidatura italiana.

Dallo studio di StageUp emerge che, diversamente dall'Italia, i 18 impianti della Bundesliga tedesca e i 20 della Liga spagnola hanno 46 anni di età e sono più frequentati.

IL CASO PREMIER LEAGUE   Continua...

 
<p>Il gol del milanista Massimo Ambrosini al portiere del Bologna Francesco Antonioli il 31 agosto scorso, allo stadio di San Siro. REUTERS/Alessandro Garofalo</p>