Olimpiadi: proteste, smog raffreddano interesse per i Giochi

domenica 3 agosto 2008 17:04
 

MILANO (Reuters) - Le preoccupazioni per le politiche della Cina in materia di diritti umani e per l'inquinamento hanno fatto calare l'interesse pubblico per i Giochi di Pechino.

Lo si legge in una ricerca della società di analisi Sport+Markt.

Il sondaggio -- che si basa su 1.000 interviste telefoniche a persone di età compresa tra 16 e 69 anni per Paese -- rivela che il livello di "interesse" nelle Olimpiadi è diminuto nel mondo rispetto alle Olimpiadi di Atene del 2004.

"Quanto accaduto in Tibet questa estate, come le proteste che hanno riguardato la staffetta della torcia olimpica sono stati una campagna negativa per le Olimpiadi a Pechino", ha detto in una nota Hartmut Zastrow, direttore esecutivo di Sport+Markt.

In Gran Bretagna l'entusiasmo per i Giochi è sceso a circa un terzo rispetto al 52% per i Giochi di Atene.

L'"interesse" nelle Olimpiadi estive è calato anche in Germania (58%), Francia (45%), Spagna (40%) e Italia (56%) come anche in Giappone, Cina, Russia e Stati Uniti.

 
<p>Ballerini provano delle figure prima dell'avvio dei Giochi Olimpici di Pechino. REUTERS/Marcos Brindicci (CHINA)</p>