L'attore Wesley Snipes rischia tre anni per evasione fiscale

sabato 2 febbraio 2008 12:55
 

OCALA, Usa (Reuters) - L'attore Wesley Snipes, interprete della fortunata serie cinematografica "Blade", è stato riconosciuto colpevole di mancata dichiarazione dei redditi da una corte Usa e rischia tre anni di carcere.

Lo ha riferito la pubblica accusa, dopo che l'attore 45enne è stato prosciolto da reati più gravi di frode fiscale, che avrebbero potuto costargli 16 anni dietro le sbarre.

Il processo, celebrato davanti a una giuria a Ocala, 130 km a nordovest di Orlando, ha avuto luogo nella città rurale, perché vicina alla residenza di Isleworth dove, secondo la pubblica accusa, Snipes viveva ai tempi della presunta frode al fisco.

I procuratori hanno accusato l'attore di mancata dichiarazione dei redditi dal 1999 al 2004 e chiesto la restituzione di oltre 11 milioni di dollari per gli anni 1996 e 1997. Snipes è stato riconosciuto colpevole di mancata dichiarazione dei redditi per soli tre anni.

L'avvocato difensore Robert Bernhoft ha detto che l'attore non ha pagato le tasse perché era in attesa di una risposta dall'Internal Revenue Service a una sua richiesta di chiarimenti sul pagamento, e che è sempre stato "pronto a pagare e dichiarare" il dovuto.

Sfoggiando un largo sorriso all'uscita dal tribunale di Ocala, Snipes ha detto che il verdetto lo "fa sentire bene, magnificamente".

Secondo il procuratore Robert O'Neill l'attore rischia ancora di finire in carcere.

La sentenza sarà emessa al termine di una indagine in cui le autorità dovranno stabilire l'importo esatto che Snipes dovrebbe restituire.

 
<p>L'attore Wesley Snipes, in una foto d'archivio. REUTERS/Rick Fowler</p>