Cuba, Castro: d'ora in poi più licenze per lavoro autonomo

lunedì 2 agosto 2010 08:35
 

L'AVANA, 2 agosto (Reuters) - Più cubani d'ora in avanti potranno mettersi in proprio e assumere dipendenti grazie ad un provvedimento del governo, che vuole creare posti di lavoro. Lo ha annunciato ieri il presidente Raul Castro.

La novità potrebbe rappresentare un cambiamento significativo per l'isola comunista, dove lo Stato controlla il 90% del mercato e il malcontento serpeggia soprattutto per gli stipendi bassi, che ammontano a 18 dollari al mese.

Castro, parlando all'Assemblea nazionale, ha detto che la misura punta a creare posti di lavoro per un milione di lavoratori in eccesso che si ritiene frenino l'economia cubana e che dovrebbero essere licenziati nei prossimi cinque anni.

Il provvedimento elimina "alcuni divieti esistenti alla concessione di nuove licenze e alla commercializzazione di alcuni prodotti", ha spiegato Castro, senza specificare quante persone otterranno la licenza, che esiste già ma è concessa molto raramente.

Un numero cospicuo di cubani lavora in proprio ma senza licenza.