Fmi: prospettive fosche per l'Italia, ma banche solide

sabato 7 febbraio 2009 13:40
 

ROMA, 7 febbraio (Reuters) - La crisi finanziaria globale sta facendo pagare pegno all'economia italiana, ma il sistema bancario del paese resta forte. A dirlo è il Fondo monetario internazionale.

Nelle sue consultazioni, chiamate Articolo 4, con le autorità italiane, pubblicate sul suo sito Web stanotte, l'Fmi conferma le sue previsioni di una contrazione del 2,1% del Pil nel 2009 e una piccola crescita negativa nel 2010.

L'Fmi aggiunge che l'impatto della crisi dei mercati finanziari sull'Italia è stata mitigata dalla prudenti pratiche bancarie e ai livelli di indebitamento relativamente bassi di privati e società.

"Il sistema (bancario) resta solido; nessuna istituzione è fallita da quando si è diffusa la crisi, non c'è mancanza di requisiti normativi", aggiunge.

Comunque, gli alti livelli di debito pubblico -- il terzo più grande al mondo -- limitano severamente la portata del pacchetto di stimoli fiscali dell'esecutivo, aggiunge l'Fmi.