Crisi, fabbriche tagliano produzione e posti in tutto il mondo

venerdì 2 gennaio 2009 15:15
 

* Fabbriche cinesi tagliano posti di lavoro a tasso record - Pmi

* Indice Pmi zona euro peggiore di lettura flash

* Fabbriche in India tagliano posti di lavoro per prima volta in sondaggio Pmi

* Banca centrale indiana taglia tassi di 100 punti base

di Jason Subler

PECHINO, 2 gennaio (Reuters) - Le industrie cinese e indiana hanno seguito l'esempio di gran parte dell'Europa riducendo produzione e posti di lavoro a un ritmo record a dicembre, nuovo segno che i maggiori mercati emergenti iniziano a risentire della recessione che attanaglia le nazioni industrializzate.

Gli analisti si aspettano che anche i sondaggi sull'attività manifatturiera negli Stati Uniti possano indicare una maggiore contrazione a dicembre, mentre la domanda crolla nei paesi occidentali, mercati strategici per l'esportazione dalle nazioni in via di sviluppo.

Economisti ed esperti di politica hanno sempre considerato Cina, Russia, India e Brasile, con i loro vasti mercati e ricchezza in crescita, come motori della crescita in grado di salvare il mondo dalla recessione. Ma queste speranze stanno presto svanendo lasciando spazio a previsioni sempre più cupe.

Dagli esuberi nelle fabbriche cinesi al maggior calo nei prezzi delle case in Corea del sud in cinque anni, vi sono segnali che il rallentamento dell'esportazione stia interessando le economie nazionali nei mercati emergenti.   Continua...