PUNTO 3-Italia, inflazione ottobre scende a 3,5%, meno di attese

venerdì 31 ottobre 2008 14:14
 

(aggiunge commento Isae)

MILANO, 31 ottobre (Reuters) - Continua inesorabile il rientro dell'inflazione italiana che si porta al 3,5% in ottobre dal 3,8% di settembre, rimanendo però al di sopra della media europea.

Il dato supera lievemente anche la mediana delle attese ma il percorso previsto nei prossimi mesi resta comunque di decisa flessione e dovrebbe portare il tasso di aumento dei prezzi verso il livello chiave del 2% nel corso del 2009.

Gli economisti avevano previsto per l'indice Nic un progresso tendenziale del 3,4% a fronte di un calo mensile dei prezzi dello 0,1%. Istat ha comunicato invece una lettura congiunturale piatta.

Per il complesso dell'area euro Eurostat ha comunicato oggi un tendenziale d'inflazione in calo al 3,2% in ottobre dal 3,6%. La forbice tra il tasso italiano e quello europeo conferma la tradizionale maggiore vischiosità dei prezzi italiani.

"Nei prossimi mesi", tuttavia, scrive Isae in una nota, "il processo di rientro dall'inflazione dovrebbe intensificarsi, con un tasso tendenziale a ridosso del 3% a fine anno".

A guidare il raffreddamento del costo della vita è sempre l'inversione di rotta dei prezzi delle componenti volatili rappresentate da energia e alimentari.

In ottobre, tuttavia, l'adeguamento delle tariffe domestiche di elettricità e gas ai passati record del petrolio ha pesato sull'indice Nic facendo registrare ai prezzi del capitolo 'abitazione' rincari mensili dello 0,9%.

La discesa del costo della componente energetica è evidente invece nei trasporti, i cui prezzi registrano un calo dell'1% su mese.   Continua...