MONETARIO - Cosa succede oggi martedì 1 settembre

martedì 1 settembre 2009 07:34
 

* All'indomani delle indagini congiunturali migliori delle attese sul manifatturiero Usa relative ad agosto in arrivo gli analoghi indici dei direttori acquisto di Italia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Spagna e zona euro. Le attese sono per un miglioramento rispetto al mese precedente, soltanto Francia e Regno Unito dovrebbero però attestarsi oltre la soglia di 50 che separa crescita da contrazione * Dopo il miglioramento ai massimi da due anni e mezzo dell'indice sulla fiducia dei consumatori di agosto Isae diffonde oggi l'indice sul morale delle imprese nello stesso periodo. Il consensus punta su un rialzo a 73,3 da 71,7 di luglio

* Sempre dal lato interno, il ministero dell'Economia annuncerà in serata il fabbisogno statale per il mese di agosto. A luglio il saldo statale ha registrato un passivo di circa 4 miliardi a fronte di un avanzo intorno a 1,67 miliardi nello stesso mese del 2008

* A Sydney la riunione di politica monetaria della banca centrale si è come previsto conclusa con una conferma dei tassi di riferimento a 3%. Reserve Bank of Australia intende meglio valutare la tenuta della ripresa economica prima di considerare una nuova stretta

* Reduci dalla correzione di 4% della seduta di ieri, negli scambi finali sulla piattaforma asiatica i derivati sul greggio mostrano un modesto segno positivo legato alla ripresa dell'azionario cinese e all'incoraggiante indagine sul settore manifatturiero del paese. Gli investitori attendono intanto il corrispondente indice Ism Usa insieme all'aggiornamento delle statistiche settimanali sulle scorte. Intorno alle 7,30 il futures Nymex a scadenza ottobre risale di 44 centesimi a 70,40 dollari il barile, in prossimità dei massimi di seduta

* Finale di seduta in positivo per l'obbligazionario Usa, premiato da acquisti rifugio di fronte alla debolezza degli indici di borsa. Il decennale di riferimento termina in rialzo di 12/32 per un rendimento di 3,40% da 3,45% venerdì sera   Continua...