Bce, uscita graduale da misure straordinarie - Weber

giovedì 29 ottobre 2009 13:17
 

FRANCOFORTE, 29 ottobre (Reuters) - La Bce dovrebbe mantenere la sua politica del 'full allotment' nelle principali oerazioni di liquidità più a lungo che nelle sue operazioni a lunghissimo termine, lo ha detto oggi il membro del consiglio governativo della Bce Axel Weber.

La Bce ha tenuto aste aggiuntive illimitate di liquidità a 6 e 12 mesi per aiutare il settore bancario.

"L'uscita dalle misure non convenzionali dovrebbe avvenire gradualmente" ha detto Weber.

"Ad esempio, la politica del full allotment per le principali operazioni di rifinanziamento, guardando dalla prospettiva di oggi, dovrebbe essere certamente mantenuta più a lungo che le operazioni di iniezione di liquidità a lunghissimo termine" ha detto.

Weber ha detto anche che le misure straordinarie verranno ritirate l'anno venturo, aggiungendo però che sarebbe controproducente determinare un preciso orizzonte temporale.

"Nonostante incoraggianti segnali di miglioramento, l'economia e i mercati finanziari traggono ancora molta della loro energia dalle misure di sostegno" ha detto Weber, precisando però che le banche dovrebbero lavorare attivamente per ritirarsi da tali misure.

"Le banche dovrebbero gradualmente ridurre l'assunzione delle medicine prescritte dalle banche centrali" ha detto.

"Continuare a dipendere dalle iniezioni di liquidità della banca centrale non è una possibilità per una resistenza futura e certamente non un modello di business attuabile.

Weber ha detto che il momento dei tassi d'inflazione negativa è ormai alle spalle e che si dovranno tenere in mente i rischi a lungo termine sulla stabilità dei prezzi.

Inoltre, l'economia potrebbe peggiorare quest'anno e la situazione del credito potrebbe continuare a peggiorare fino a metà 2010.