Fmi, allarme su rischi deflazione, banche non ancora al sicuro

mercoledì 28 gennaio 2009 15:34
 

WASHINGTON, 28 gennaio (Reuters) - Per il Fondo Monetario Internazionale l'economia mondiale corre i rischi di una deflazione crescente che potrebbe intensificare la recessione via via che tassi si avvicineranno a zero.

Lo si legge nel report di aggiornamento delle previsioni del Fondo diffuso oggi.

L'Fmi, che ha tagliato le stime di crescita dell'economia globale, ritiene cruciale che gli asset tossici vengano eliminati dal sistema bancario, dove peraltro sono necessarie delle ricapitalizzazioni, si legge nel World Economic Outlook.

In particolare agli istituti americani ed europei servono almeno 500 miliardi dollari di capitali freschi per affrontare le svalutazioni nel 2009-10.