SCHEDA - Perché l'industria dell'auto è importante

martedì 26 maggio 2009 14:34
 

26 maggio (Reuters) - L'industria automobilistica mondiale è stata colpita da una crisi delle vendite senza precedenti a causa del rallentamento globale dell'economia.

In queste ore mentre il colosso GM (GM.N: Quotazione) si sta scontrando con la scadenza dell'1 giugno per la ristrutturazione della società e con un sempre più probabile fallimento, la Germania sta tenendo una serie di colloqui con Fiat FIA.MI, uno dei tre concorrenti all'acquisto della divisione Opel.

Di seguito alcuni elementi chiave sul settore, i suoi principali mercati e il significato per l'economia globale:

* L'industria automobilistica ha un giro d'affari di circa 2.600 miliardi di dollari, più di tutto il prodotto interno lordo della Francia ma meno di quello della Cina, della Germania, del Giappone o degli Usa.

* Il settore contribuisce per il 3-4% al pil degli Usa e per oltre il 6% a quello dei paesi dell'Ue-15, secondo i dati della società di consulenza Frost & Sullivan.

* Circa 9 milioni di posti di lavoro in tutto il mondo, oltre il 5% della forza lavoro del settore manifatturiero, sono direttamente collegati alla produzione di veicoli o di loro componenti. Ogni posto di lavoro collegato direttamente all'auto supporta almeno altri 5 posti di lavoro legati indirettamente al settore, con molte più persone impiegate nei relativi servizi e lavori manifatturieri. Ciò significa che oltre 50 milioni di persone si guadagnano da vivere con il settore auto.

* L'industria automobilistica Usa occupava 850.000 persone nei lavori manifatturieri a fine 2008, secondo Frost & Sullivan.

* Il Giappone ha prodotto nel 2007 oltre 11,5 milioni di veicoli e occupa circa 725.000 persone. L'associazione giapponese Jama stima che la domanda domestica per auto e veicoli commerciali nel 2009 sarà di 4,86 milioni di unità, dato che rappresenterebbe il quinto anno consecutivo di calo.

* Prima della crisi era stato più volte stimato che la Russia, dove circa 755.000 persone sono occupate nell'industria dell'auto, avrebbe superato la Germania come mercato più grande nel 2009. Ora però le vendite di auto sono attese in calo di circa il 50%. Circa 3,2 milioni di automobili per un controvalore totale di 69 miliardi di dollari sono state vendute nel 2008.

Fonti: Oica, Acea, Jama, Frost & Sullivan.