Usa, contrazione crescita si accentua in trim3

martedì 25 novembre 2008 15:31
 

(versione italiana di precedente tabella inglese)

WASHINGTON, 25 novembre (Reuters) - La prima economia mondiale ha subito nel terzo trimestre una battuta d'arresto superiore a quanto in precedenza ipotizzato, a riflesso della maggiore contrazione dei consumi degli ultimi ventotto anni.

I dati a cura del dipartimento al Lavoro Usa, che fotografano una congiuntura in rapido deterioramento, mostrano profitti societari in contrazione per il secondo trimestre consecutivo e una discesa degli investimenti delle imprese.

Su base annualizzata, la variazione negativa del prodotto interno lordo è stata corretta a 0,5% rispetto al calo di 0,3% indicato dalla prima stima del mese scorso.

Si tratta della maggiore contrazione della crescita dal terzo trimestre 2001, ai tempi dell'attacco alle Torri Gemelle.

A parere di molti analisti gli Stati Uniti come l'Europa si trovano di fatto in recessione, anche se nel caso degli Usa sarà necessario un nuovo trimestre di caduta del Pil per rispettare la definizione tecnica del fenomeno - due trimestri consecutivi di crescita negativa.

La lettura del periodo luglio settembre segue invece il relativamente brillante +2,8% dei tre mesi al 30 giugno scorso.

La contrazione del prodotto interno lordo Usa dovrebbe comunque accentuarsi negli ultimi tre mesi dell'anno per proseguire fino al 2009.