Usa, Pil si contrae di 0,5% in trim3, in linea con attese

martedì 23 dicembre 2008 15:41
 

versione in lingua italiana

WASHINGTON, 23 dicembre (Reuters) - L'economia Usa si contrae al ritmo dello 0,5% nel terzo trimestre del 2008 dopo che i consumatori e le aziende hanno tagliato le spese e la recessione avanza nel paese. Lo ha annunciato il dipartimento del Commercio nella sua relazione finale sul terzo trimestre. aggiungendo che le vendite finali sono scese dell'1,3% contro una precedente stima dell'1,4%.

L'economia Usa è entrata in recessione in dicembre e molti economisti ritengono che la situazione si sia aggravata dopo il fallimento di Lehman in settembre, che ha congelato il credito e e indotto investitori e proprietari di immobili a stare su poszioni difensive.

Il dipartimento del Commercio, nella sua relazione spiega che il declino del Pil nel terzo trimestre rispetto ai tre mesi precedenti è stato il più marcato dal 2001, dopo l'attacco alle torri dell'11 settembre.

Gli analisti interpellati da Reuters avevano anticipato che il rapporto avrebbe mostrato il calo del Pil di uno 0,5% nel terzo trimestre.

Le spese dei consumatori si sono contratte del 3,8%, il record dal -8,6% toccato nel 1980, quando la crisi petrolifera aveva portato l'economia un rallentamento globale.

L'export nel terzo trimestre del 2008 è aumentato del 3%, contro il 3,4% precedentemente annunciato, mentre le importazioni sono scese del 3,5% contro il precedente 3,2%.

Gli investimenti sono calati dell'1,7 (rivisto da -1,5%).