PUNTO 2 - Italia, calo petrolio risolleva fiducia consumatori

martedì 23 settembre 2008 11:57
 

(Aggiunge dettagli in coda)

MILANO, 23 settembre (Reuters) - Balza a sorpresa in settembre la fiducia dei consumatori italiani, aiutata, secondo gli economisti, dal raffreddamento delle quotazioni petrolifere. L'ultima indagine Isae evidenzia un ulteriore miglioramento dell'indice di fiducia, che passa a 102,8 da 99,6 di agosto, riportandosi attorno ai valori di maggio scorso.

Gli economisti interpellati da Reuters avevano previsto un lieve peggioramento a 98,5. La più ottimistica delle 17 stime si fermava a 99,6.

"A migliorare sono soprattutto i giudizi sulla situazione economica del paese e su quella personale, assieme alle possibilità future di risparmio", scrive Isae in una nota.

L'indice che sintetizza le opinioni degli intervistati sulla situazione personale avanza a 114,4 da 111,9, sui massimi dell'anno. Quello sul quadro economico generale migliora a 80,4 da 77,2.

"Tra luglio - mese in cui l'indice ha segnato il minimo del ciclo - e settembre, l'elemento predominante di cambiamento è da rintracciarsi nella correzione dei prezzi del petrolio", sottolinea Luigi Speranza di Bnp Paribas.

Le quotazioni petrolifere si sono fermate a un passo dai 150 dollari a barile in luglio per poi ripiegare nei mesi successivi fino ai circa 107 dollari attuali.

"La correlazione tra andamento della fiducia e prezzi petroliferi è incoraggiante perché ci aspettiamo un graduale rientro dell'inflazione nei mesi a venire," aggiunge Speranza.

Gli sviluppi più recenti della crisi finanziaria impongono comunque cautela in quanto destinati con ogni probabilità ad avere un riflesso sui dati di fiducia dei mesi successivi.   Continua...