Crisi, con ripresa avvio politica stimolo a domanda - Brunetta

venerdì 18 settembre 2009 16:37
 

VENEZIA, 18 settembre (Reuters) - Con la fine della crisi il governo potrà smettere di giocare in difesa e pensare a politiche di stimolo della domanda.

Lo ha detto il ministro della Funzione pubblica Renato Brunetta a margine dell'asseblea dei giovani di Confcommercio.

"In questo momento noi stiamo facendo una Finanziaria seria, tabellare, per far funzionare lo Stato e aspettiamo la ripresa per poi cominciare a fare i conti sulle risorse ancora necessarie per gli amortizzatori sociali e le risorse che si dovessero liberare ai fini della stimolazione della domanda, pero' una volta coperti gli amortizzatori sociali", dice Brunetta.

"Una volta approvata dal Cdm la Finanziaria e una volta verificati gli andamenti congiunturali, potremo ragionare su come passare alla fase due, cioè dalla fase difensiva che ha difeso i redditi dei lavoratori e l'industria italiana alla fase di stimolazione dell'espansione".

"Noi abbiamo un problema che è quello di avere un finale di 2009 in crescita in maniera tale che il trascinamento sul 2010 sia positivo. Questo è il vero problema oggi della congiuntura italiana. Cioè, come far sì che il finale di 2009 sia un finale col segno più e in accelerazione in maniera tale che l'eredità che il 2009 lascia al 2010 sia positiva. Se sarà così il 2010 potrà avere un segno più e un segno più di qualche consistenza", ha concluso il ministro.