RPT - Conti nazionali zona euro, più peso a debito privato - Bce

giovedì 17 settembre 2009 11:57
 

precisa data intervento Gonzalez-Paramo

BRUXELLES, 17 settembre (Reuters) - La Banca Centrale Europea modificherà i parametri statistici per il calcolo dei conti nazionali a partire dal 2010 con una mossa mirata a dare più peso alla ricchezza delle famiglie nel computo del debito nazionale. Lo ha annunciato Josè Manuel Gonzalez-Paramo, membro del board della Bce.

"In base alle stime pubblicate dalla Bce dal 2006, circa 2/3 della ricchezza delle famiglie nell'Eurozona è concentrata nella proprieta' di abitazioni. Per questa ragione, sono lieto di annunciare che i Conti dell'Eurozona (EAA) incorporeranno stime non finanziarie a partire dal 2010", si legge in una dichiarazione di ieri di Gonzalez-Paramo.

Questo significa dare più importanza al debito e alla ricchezza privata, che comprendono anche i beni patrimoniali come la casa, nel computo dei conti nazionali che sono un indicatore complementare, non alternativo, al debito pubblico.

"Per avere un quadro ancora più completo, questi conti potrebbero in futuro anche includere informazioni sulla distribuzione del reddito tra le famiglie dell'Eurozona", prosegue il testo.

La misura è in linea con un crescente interesse tra le istituzioni europee verso la riconsiderazione dell'importanza della ricchezza delle famiglie per valutare in modo più chiaro i conti di un paese. Nel pieno della crisi finanziaria, il governo italiano ha piu' volte sollevato la questione a livello europeo. L'Italia ha infatti un elevato debito pubblico ma a livello privato ha un basso debito accompagnato da un'alta propensione al risparmio.

"Dovremmo integrare, ma non sostitutire, il debito pubblico con dati sulla ricchezza nazionale che includano il reddito delle famiglie", ha precisato a Reuters il direttore generale per la statistica della BCE, Steven Keuning.

"Le misure annunciate oggi vanno in questa direzione", Keuning ha detto a mrgine di una conferenza a Bruxelles organizzata da Eurostat, l'ufficio di statistica della Commissione europea.

La Bce e Eurostat compilano insieme un'ampia serie di dati sui conti dei paesi della Zona euro.