PUNTO 1-Cina, Pil trim1 a minimi serie storica, ripresa in vista

giovedì 16 aprile 2009 08:21
 

(aggiunge dettagli dal terzo paragrafo)

PECHINO, 16 aprile (Reuters) - L'economia cinese ha rallentato nel primo trimestre al 6,1%, il più debole tasso di crescita mai registrato da quando nel 1992 sono iniziate le rilevazioni.

Il dato si confronta con l'espansione del 6,8% avvenuta negli ultimi tre mesi dell'anno scorso e con stime per +6,3%.

Ma marzo si è rivelato il mese più robusto del trimestre grazie al persistere di solidi investimenti in asset fissi - in rialzo del 28,6% anno su anno nel periodo gennaio-marzo - e al rimbalzo della produzione industriale (+8,3% a marzo su base annua), offrendo timidi segnali che il peggio potrebbe essere passato per la terza economia del mondo.

Per gli economisti i dati non suscitano grandi sorprese, confermando uno scenario di graduale recupero nell'ultima parte dell'anno, anche se resta da vedere se verrà centrato l'obiettivo di crescita dell'8%.

"Nel complesso, i dati mostrano che la Cina ha avuto un inizio d'anno molto debole, compensato da un po' di stabilizzazione delle condizioni economiche a marzo a mano a mano che l'impatto degli stimoli decisi dal governo inizia a farsi sentire", ha commentato Brian Jackson, economista di Royal Bank of Canada a Hong Kong.

Tuttavia, i dati hanno tenuto viva l'attesa che Pechino aggiunga altri stimoli al pacchetto già messo in piedi e gli economisti avvertono che la stagnazione della domanda globale per i prodotti cinesi continuerà a pesare sull'economia.