Spagna, debito pubblico minaccia ripresa economia-Banca centrale

martedì 16 giugno 2009 13:30
 

MADRID, 16 giugno (Reuters) - La Spagna deve ridurre rapidamente l'incremento del debito pubblico o potrebbe mettere a rischio la ripresa dell'economia, secondo il governatore della Banca di Spagna, Miguel Angel Fernandez-Ordonez.

La Spagna non ha più spazi per pacchetti di stimolo fiscale e deve decidere come ridurrà la spesa dettata dall'emergenza che farà salire il deficit del settore pubblico a circa il 10% del Pil nel 2010 e il debito/pil probabilmente sopra quota 60%, ha detto.

"Dobbiamo evitare che il debito del settore pubblico diventi un ostacolo quando l'economia spagnola sarà in condizioni migliori per crescere", ha detto il governatore in occasione della presentazione del rapporto annuale della Banca di Spagna.

"E' prioritario definire in modo veloce una strategia credibile per ridurre il deficit", ha aggiunto il governatore.

La Spagna ha lanciato uno dei più corposi pacchetti di stimolo fiscale in Europa e, sottolinea Fernandez-Ordonez, può affrontare questa spesa grazie a un surplus del budget pari al 2,2% del Pil 2007 e a un livello di debito pubblico di circa il 38% a fine 2008.

Il governatore ha poi aggiunto che il peggio della recessione spagnola è passato e che il calo della domanda interna si attenuerà nel 2010.