January 15, 2009 / 6:29 PM / 9 years ago

PUNTO 1 - Previsione Pil 2009 -2% Bankitalia realistica-Tremonti

4 IN. DI LETTURA

(unifica pezzi, aggiunge contesto e dichiarazioni)

ROMA, 15 gennaio (Reuters) - Per il ministro dell'Economia Giulio Tremonti è realistica la previsione contenuta oggi nel Bollettino della Banca d'Italia di un calo del Pil nel 2009 del 2%, una previsione che è infatti in linea con quella dei principali istituti internazionali.

L'Italia nelle sue previsioni nell'aggiornamento del Programma di stabilità che non è ancora pronto si terrà nella media delle varie previsioni.

Lo ha detto lo stesso Tremonti nel corso di una conferenza stampa al Tesoro, un appuntamento che il ministro vuol far diventare fisso, a cadenza mensile, con la stampa per affrontare i vari temi di attulità.

"E' tutto realistico, lo stesso dato l'ha dato l'Ocse, era un dato noto da tempo", ha risposto Tremonti alla domanda di come valuti una previsione fatta nel Bollettino di Bankitalia di decremento del Pil in Italia del 2% nel 2009.

Il ministro ha comunque detto che c'è coerenza fra i dati internazionali: "C'è convergenza tra i dati Bankitalia, Ocse, Fondo monetario internazionale e Commissione europea".

Per quello che riguarda le stime del governo, "i dati li stiamo definendo", ha aggiunto poi riferendosi all'aggiornamento del Programma di stabilità con la revisione delle previsioni macro che il governo deve ancora inviare a Bruxelles e che dovrebbe avvenire nelle prossime ore, prima dell'Ecofin dell'inizio della prossima settimana.

Circa le previsioni fatte finora dai vari istituti pubblici e privati, Tremonti ha detto che "tutto è dominato da un alto grado di inceretezza. E' un momento nel quale dati e previsioni sono ipotesi che vengono fatte su realtà non ancora definite" ed ha sottolineato, come da lui già detto diversi mesi fa, che ci troviamo "in una discontinuità sistemica non in un diverso ciclo economico. Stiamo attraversando una terra incognita".

Proprio per questo il ministro del Tesoro dice che si attende dagli analisti più che indicazioni su quello deve essere fatto, un'analisi di quello che è successo per capire come intervenire.

Secondo Tremonti interventi di stimolo dell'economia (siano essi fiscali o di sostegno a settori particolari come quello bancario) al momento non sono utili e bisogna prima capire cosa è successo per decidere cosa fare: in particolare sul settore automobilistico l'Italia si adeguerà alle escelte europee per eventuali interventi.

"L'Italia fa di tutto per rispettare gli impegni presi e mantenere nel massimo possibile il suo indebitamento. Il deficit/Pil ha un nominatore ed un denominatore. Può variare per variare del denominatore [...]. La politica italiana è di non fare nulla di aggressivo, di deterioramento sul deficit", ha risposto Tremonti ad una domanda su come sarà il deficit/Pil nel 2009.

"Non credo all'efficacia anticongiunturale degli stimoli. Non credo siano risolutivi in una fase di grande incertezza", ha poi aggiunto commentando i piani di stimolo fatti in Europa e in America che prevedono pacchetti di gravi fiscali e salvataggi di istituti di credito.

La politica del governo italiano non sarà "espansiva e non saremo nemmeno restrittivi" mentre si ha molto fiducia in quello che potrà fare il G8 - dall'inizio del mese a guida italiana - per riscrivere le regole della finanza ed in particolare "i legal standard, icona con la quale vogliamo caratterizzare il lavoro" del G8.

Ottimista infine sulla tenuta dell'Europa e su quanto ha dimostrato finora l'euro di sapere fare nei confronti delle altre monete: "L'euro è un progetto totalmente sostenibile. Non credo ci siano problemi per l'euro. L'Europa ora è più forte", ha detto Tremonti, aggiungendo di riferirsi ai Paesi europei dell'area euro.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below