Manovra, no taglio province,sì tagli consigli/giunte-emendamento

giovedì 1 settembre 2011 13:48
 

ROMA, 1 settembre (Reuters) - Il governo con l'emendamento presentato oggi alla commissione bilancio al Senato ha deciso di rinunciare al taglio delle province con popolazione superiore ai 300.000 abitanti inserito nella manovra di Ferragosto (passerà in un più complicato progetto di riforma costituzionale) lasciando in vigore solo la riduzione dei componenti degli organi di governo.

E' quanto si legge nell'emendamento presentato dal presidente della commissione bilancio Antonio Azzollini che sopprime l'intero articolo 15 del decreto 138, facendo salvo il comma 5 che prevede la riduzione del 50% del numero dei consiglieri provinciali e degli assessori provinciali a partire dalla prossima legislatura provinciale.

(Alberto Sisto)