Gb, Pmi servizi luglio sale a 55,4, ai massimi da marzo 2010

mercoledì 3 agosto 2011 11:12
 

LONDRA, 3 agosto (Reuters) - A luglio il settore dei servizi in Gran Bretagna è cresciuto al ritmo più sostenuto degli ultimi quattro mesi, trascinato dalla crescita dei nuovi business, contribuendo così a infondere speranze di un'impennata dell'economia nonostante le ultime rilevazioni insoddisfacenti sul settore manifatturiero e le vendite al dettaglio.

L'indice Markit/CIPSI che fotografa lo stato dell'attività dei servizi è cresciuto a luglio a 55,4 da 53,9 di giugno, salendo ai massimi da marzo, smentendo le attese di un rallentamento a 53,2, e mantenendosi sopra la fatidica soglia 50 che separa l'espansione dalla contrazione.

Accostando la ricerca sull'indice di attività manifatturiero, reso noto all'inizio della settimana, a quello sul settore dei servizi resa noto oggi, Markit ha rilevato come l'economia britannica sia cresciuta dello 0,5% nel trimestre tra maggio e luglio, migliorando la perfomance registrata da aprile a giugno, pari allo 0,2%.

A luglio, inoltre, si è registrato un calo dell'indice delle tariffe a 50,3, il livello minimo da 10 mesi, a segnare un allentamento delle pressioni inflattive.

Il settore dei servizi britannico, spiegano da Markit, a luglio ha perfomance migliore rispetto ai principali partner europei, ma resta da vedere se la tendenza resterà tale nei prossimi mesi.

"Viste le misure di austerity interne e la crisi dei debiti sovrani con cui si stanno confrontando i principali mercati dell'export, lo scenario di una ripresa traballante dpvrebbe, al momento, costituire la previsione migliore per la perfomance del settore nei prossimi mesi" ha detto Paul Smith, economista di Markit.