Rc Auto,inevitabili aumenti senza riforme,costi ancora alti-Ania

martedì 5 luglio 2011 11:15
 

ROMA, 5 luglio (Reuters) - Gli aumenti delle polizze Rc Auto sono la conseguenza inevitabile e annuciata delle mancate riforme che le assicurazioni hanno chiesto da tempo e il sistema non è ancora in equilibrio. Lo ha detto il presidente dell'Ania Fabio Cerchiai nella sua relazione all'assemblea annuale dell'associazione delle compagnie di assicurazione italiane.

"Avevamo indicato che in assenza dei necessari interventi, la pressione dei costi sarebbe divenuta insostenibile e, quindi, sarebbe stato inevitabile un aumento dei prezzi", ha detto Cerchiai.

"Nel 2010 si è tornati a un aumento della raccolta premi (+4,5%) frutto appunto dell'inevitabile aggiustamento tariffario. Tuttavia l'equilibrio economico non è sttao ancora raggiunto", ha spiegato il presidente Ania osservando che per ogni 100 euro di premi incassati "le imprese hanno avuto costi per quasi 106".

E' quindi inutile per Cerchiai, "continuare a denunciare prezzi troppo elevati senza approfondirne le cause sottostanti" ed è "del tutto irragionevole e incoerente il provvedimento che consente alle province un'ulteriore imposizione, sino al 3,5% del premio, aggravando un già troppo elevato carico fiscale sull'assicurazione obbligatoria".

(Stefano Bernabei)