Usa, occupati Usa maggio +54.000, ben sotto attese +150.000

venerdì 3 giugno 2011 15:07
 

notizia in italiano

NEW YORK, 3 giugno (Reuters) - Gli occupati non agricoli Usa in maggio sono cresciuti, ma solo di 54.000 unità, circa un terzo rispetto a quanto si era previsto, con il settore manifatturiero che risulta il più colpito.

Si tratta del dato più debole dal settembre 2010 che porta a un tasso di disoccupazione del 9,1%, il più alto dal dicembre dello scorso anno, in rialzo dal 9,0% di aprile.

Per maggio le attese erano per una crescita di 150.000 nuovi posti di lavoro. In aprile erano cresciuti di 232.000 unità e in marzo di 221.000, entrambi rivisti.

Nel breakdown si nota un calo di 5.000 lavoratori del settore manifatturiero, contro attese invece di una crescita di 14.000 dopo i +24.000 di aprile.

Ma è debole anche il settore privato con la crescita di 83.000 lavoratori, il dato più debole da giugno 2010, circa la metà rispetto alle attese di +175.000 e dopo un +251.000 di aprile.

In calo invece i dipendenti pubblici con un -29.000 dopo i -19.000 di aprile, rivisto.

"Un dato che ha mostrato debolezza in ogni settore. La Fed è alla finestra e secondo noi non guardarà i dati di un solo mese, ma certamente quello di oggi catturerà la sua attenzione" dice Tom Porcelli, capo economista dei mercati dei capitali di RBC.   Continua...