Zona euro, per Nowotny (Bce) meno rischi di ripresa asimmetrica

lunedì 23 maggio 2011 10:14
 

* Weidmann avverte su rischio effetti "second round"

* Divergenze preoccupanti, no focus su singoli problematici

VIENNA/FRANCOFORTE, 23 maggio (Reuters) - Il pericolo di una ripresa asimmetrica in Europa è diminuito nonostante l'andamento differenziato del recupero resti preoccupante. Lo ha detto oggi il membro del consiglio governativo della Banca centrale europea Ewald Nowotny, mentre il neogovernatore della Bundesbank Jens Weidmann ha messo in guardia contro il rischio che si materializzino effetti di "second round" dal rincaro delle materie prime.

Nel testo preparato per un discorso da tenere nel corso di una conferenza Nowotny ha detto: "Non si può escludere la possibilità di un rallentamento della ripresa ma penso che i rischi di uno sviluppo a "L" o a "W" siano diminuiti".

La Germania e altri paesi dell'area euro più piccoli che dipendono dalle esportazioni stanno guidando mentre alcuni paesi periferici restano indietro.

"Nonostante questa divergenza sia naturalmente preoccupante, non dovremmo immobilizzarci concentrandoci solamente sui casi problematici", ha aggiunto, sottolineando che l'andamento dell'economia Ue in media è stata buona sia durante che dopo la crisi.

Parlando ad una conferenza a Francoforte Weidmann ha anche detto che la Bce non deve trascurare il rialzo delle aspettative di inflazione di lungo periodo.

"In questo contesto dobbiamo prendere seriamente l'aumento delle aspettative di inflazione di lungo periodo di aprile e considerarlo un segnale di prospettive di aumento dei prezzi in un momento in cui la politica monetaria è espansiva", ha detto riferendosi all'aumento delle attese al 2% dall'1,9%.