PUNTO 1 - Grecia, pil trim4 -6,6% su anno, pesa calo consumi

venerdì 18 marzo 2011 13:11
 

ATENE, 18 marzo (Reuters) - Il pil greco si è contratto del 6,6% annuo nel quarto trimestre. Lo indicano i dati preliminari del servizio statistico nazionale (Elstat) che confermano la precedente stima flash.

Le misure di austerità varate dal governo di Atene stanno colpendo in maniera pesante la spesa delle famiglie, con i consumi provati che hanno mostrato una riduzione dell'8,6% annuo.

I dati non sono aggiustati per la stagionalità; inoltre l'Elstat non ha fornito dati preliminari su base trimestrale, a causa delle revisione in corso delle metodologie di calcolo.

I numeri evidenziano un peggioramento delle condizioni economiche del paese rispetto al terzo trimestre, in cui il pil aveva fatto sengare una flessione del 5,1%, dopo il -5% del secondo trimestre e il -0,7% del primo.

"Sebbene il calo dei consumi privati sembri essere più ampio, la spesa per investimenti e l'export hanno visto un trend migliore" commenta l'economista della Banca nazionale di Grecia Nikos Magginas. "Si potrebbe vedere una stabilizzazione dell'attività economica dalla metà del 2011, su base trimestrale, grazie alla fine della discesa dei consumi e alla prosecuzione della ripresa dell'export e del turismo". Le stime ufficiali danno il pil greco (pari a circa il 2,5% di quello della zona euro) in recessione per il terzo anno consecutivo nel 2011, con una contrazione complessiva stimata al 3%, dopo -4,5% dell'anno scorso.