Cina, inflazione gennaio 4,9% su anno, sotto attese

martedì 15 febbraio 2011 08:39
 

PECHINO, 15 febbraio (Reuters) - Inflazione inferiore alle attese in Cina nel mese di gennaio. Ma il quadro generale resta contraddistinto da pressioni crescenti sui prezzi, che spingono gli operatori a ritenere che la banca centrale cinese proseguirà sulla strada di una graduale restrizione monetaria.

L'indice dei prezzi al consumo si è attestato in gennaio al 4,9 tendenziale dal 4,6% di dicembre e contro attese per un 5,3%.

"Nonostante il mercato abbia guardato con favore al dato, questo potrebbe dare un'impressione sbagliata e dovrebbe essere invece considerato con cautela, soprattutto perchè gli indicatori e gli sviluppi recenti segnalano ancora che i rischi al rialzo sull'inflazione persistono", spiega l'economista di Forecast PTE Connie Tse.

Sul fronte dei prezzi alla produzione l'incremento è stato del 6,6% in gennaio, superiore al 6,1% atteso. In dicembre l'indice ppi si era attestato al 5,9%.

La banca centrale cinese ha alzato i tassi la scorsa settimana per la seconda volta in meno di due mesi, mentre dall'inizio del 2010 i coefficienti di riserva obbligatoria delle banche sono stati ritoccati verso l'alto per ben sette volte.