Crisi, nuove regole ma in un quadro politico di rigore -Tremonti

mercoledì 3 novembre 2010 18:38
 

ROMA, 3 novembre (Reuters) - La definizione di regole che evitino l'insorgere di nuove crisi finanziarie si deve accompagnare, a livello di singoli Paesi, a "politiche improntate al rigore e all'austerità".

Lo ha detto il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, intervenendo a una riunione organizzata dallo Ior (l'Istituto per le opere di religione) secondo il resoconto dell'Osservatore romano, quotidiano del Vaticano.

"Il mondo ha quanto mai bisogno di norme trasparenti per regolare la finanza. Regole che comunque - e qui il ministro ha spostato l'attenzione sull'Europa e sull'Italia in particolare - a livello locale devono essere accompagnate da politiche improntate al rigore e all'austerità", si legge nel resoconto dell'Osservatore romano.

Alla riunione, che aveva per oggetto i "Paesi sviluppati e i Paesi emergenti", hanno partecipato anche il segretario di Stato vaticano Tarcisio Bertone e il presidente dello Ior, Ettore Gotti Tedeschi.