PUNTO 1- Italia-Cina, entro 2015 radoppiare scambi a 100 mld dlr

giovedì 7 ottobre 2010 14:35
 

(cambia titolo e lead, aggiunge dichiarazioni Berlusconi, Wen)

di Francesca Piscioneri

ROMA, 7 ottobre (Reuters) - 'La Cina è vicina' ma non deve far paura all'Italia. Anzi le buone relazioni commerciali vanno incremenate - fino a portare gli scambi a 100 miliardi di dollari in 5 anni - con quella che presto sarà la prima potenza mondiale, scalzando gli Stati Uniti.

Parola di Silvio Berlusconi che nel bilaterale di stamani a Roma con il primo ministro Wen Jabao ha lodato la 'politica dell'armonia' del governo cinese e la "saggezza" che mostra in tutti i consessi internazionali.

Non è chiaro se il riferimento sia anche alla politica sui cambi, argomento del quale i due leader non hanno parlato, secondo una fonte governativa.

Berlusconi, che questo pomeriggio parteciperà con Wen anche ad uno spettacolo al Teatro dell'Opera, ha apprezzato l'impegno di Wen a garantire alle imprese straniere le stesse condizioni di quelle nazionali "per le pratiche burocratiche, il trattamento fiscale e la partecipazione alle gare d'appalto".

Nessun accenno invece al rispetto dei diritti umani da parte della potenza d'Oriente.

CINA 'SAGGIA' SUI TAVOLI INTERNAZIONALI NONOSTANTE YUAN   Continua...