Usa, Cpi a luglio +0,3% su giugno, sopra attese, +1,2% su anno

venerdì 13 agosto 2010 14:53
 

(Notizia in italiano)

WASHINGTON, 13 agosto (Reuters) - L'aumento del costo dell'energia ha dato la spinta alla crescita dei prezzi al consumo a luglio, prima crescita in quattro mesi, secondo un rapporto governativo che potrebbe raffreddare le paure di deflazione.

Il ministero del lavoro ha comunicato che l'indice Cpi de-stagionalizzato è salito dello 0,3% lo scorso mese, dopo il calo dello 0,1% a giugno. Gli analisti sentiti da Reuters avevano previsto un incremento dello 0,2%.

Nei 12 mesi a luglio, i prezzi al consumo sono saliti dell'1,2%, in linea con le attese del mercato e in lieve accelerazione dall'1,1% di giugno, dice il rapporto.

Il più grosso contributo all'aumento deriva dall'energia, i cui prezzi a luglio sono cresciuti del 2,6% dopo il calo del 2,9% a giugno.

Per una lettura della tabella con il dettaglio sui settori, cliccare su [ID:nLLADJE63U]