Francia, crescita Pil limitata a 1,6% in 2011 - FMI

venerdì 30 luglio 2010 16:43
 

PARIGI, 30 luglio (Reuters) - Il Fondo monetario internazionale prevede che l'economia francese cresca "solo leggermente" nel 2011, meno di quanto stimato da Parigi, e che il deficit non tornerà sotto il 3% prima del 2015.

"La ripresa resta fragile" ha detto Anne-Marie Gulde-Wolf, funzionario del Fmi, durante la presentazione del rapporto annuale sull'economia francese.

"Le condizioni finanziarie stanno migliorando ma la crescita del credito resta debole e persiste qualche dubbio circa la disponibilità di finanziamenti" ha aggiunto.

Il Fmi ha previsto che il pil aumenti dell'1,4% quest'anno, la stessa previsione del governo, ma solo dell'1,6% nel 2011, dell'1,8% nel 2012 e del 2% nel 2013. L'esecutivo prevede invece una crescita del 2,5% dal prossimo anno.

Il deficit pubblico, secondo il Fmi, dovrebbe invece salire all'8% quest'anno (dal 7,5% del 2009), per poi scendere al 6,1% nel 2011, al 4,8& nel 2012 e al 3,9% nel 2013. Solo nel 2015 scenderà sotto la soglia del 3%.

L'obiettivo del programma di stabilità elaborato dalla Francia prevede invece un ritorno sotto il limite deciso a Maastricht entro il 2013.Una possibilità che il Fmi vede realizzabile solo includendo la riforma pensionistica.