PUNTO -Italia, Fmi alza stime Pil 2010 a +0,9%,lima 2011 a +1,1%

giovedì 8 luglio 2010 10:35
 

(aggiunge altri dettagli)

HONG KONG, 8 luglio (Reuters) - Il Fondo monetario internazionale migliora le stime di crescita dell'Italia per l'anno, ma lima verso il basso quelle del 2011.

Il Fondo ha comunicato una nuova stima di crescita del pil italiano dello 0,9% nel 2010, dal precedente +0,8%. Per il 2011 la nuova stima è dell'1,1%, dal precedente +1,2%.

Il Fmi ha migliorato d'altra parte le proprie previsioni sulla crescita globale, citando la robusta espansione asiatica e il ritorno della domanda privata negli Usa. Ma ha anche sottolineato che la crisi debitoria europea pone seri rischi al quadro generale di ripresa.

I maggiori rischi al ribasso dipendono anche dalle turbolenze dei mercati finanziari ma è improbabile uno scenario di recessione 'double-dip', come ha specificto il capo economista del Fondo, Olivier Blanchard, nel corso di un incontro a Honk Kong sugli ultimi rapporti 'World Economic Outlook" e "Global Financial Stability'.

A livello di economia globale, la nuova stima di crescita del Fmi per il 2010 è 4,6% dal 4,2% precedente. Resta invece invariata la previsione sul 2011 al +4,3%.

Per la zona euro stima invariata per il 2010, al +1%, ma peggiorata per l'anno prossimo, +1,3% da +1,5%.

All'interno della zona euro riviste al rialzo le stime della Germania per il 2010, a +1,4% da 1,2%, e al ribasso sul 2011, a +1,6% da +1,7%, mentre in Francia scendono sia per l'anno in corso (a +1,4% da +1,5%) che per il prossimo (a +1,6% da +1,7%).   Continua...