Cina, rallenta crescita settore manifatturiero in giugno - Pmi

giovedì 1 luglio 2010 08:26
 

PECHINO, 1 luglio (Reuters) - Rallenta in giugno la crescita del settore manifatturiero in Cina: si sono fatte sentire le misure adottate delle autorità del paese per raffreddare il mercato immobiliare e l'espansione creditizia, ma anche l'incertezza sulle prospettive dell'export di fronte ai numerosi segnali di indebolimento della ripresa globale.

L'indice Pmi manifatturiero ufficiale cinese è sceso al livello più basso dallo scorso febbraio, a 52,1 punti, dai 53,9 di giugno. Le attese, raccolte da Reuters, erano fissate a 53,1 punti.

Si tratta ad ogni modo della sedicesima rilevazione mensile consecutiva sopra la soglia dei 50 punti che demarca la crescita dalla contrazione del settore.

"La crescita cinese si trova a uno stadio critico di livellamento, dopo l'iniziale balzo", spiega l'economista del governo Zhang Liqun, indicando un "rallentamento stabile" per l'intera economia del paese.

In calo anche l'indice dei direttori d'acquisto elaborato dalla banca Hsbc: l'Hsbc-Pmi cinese si è portato a 50,4 punti in giugno, da 52,7, ai minimi da 14 mesi.