Usa, fiducia consumatori Un. Michigan a massimi da gennaio 2008

venerdì 11 giugno 2010 16:19
 

NEW YORK, 11 giugno (Reuters) - La fiducia dei consumatori americani sale a giugno ai massimi da circa due anni e mezzo, superando le attese degli analisti grazie alle aspettative di migliori condizioni sui mercati del lavoro e del credito.

La lettura preliminare dell'indice elaborato dall'Università del Michigan tocca nel mese in corso il valore di 75,5, picco dal gennaio 2008 e superiore tanto al consensus di 74,5 quanto al dato definitivo di maggio, pari a 73.6.

L'indagine indica poi che le intenzioni di acquisto di beni durevoli come le automobili non sono scalfite, sebbene non sia ancora dissipata l'ansia circa il futuro dell'economia e prevalga la cautela sulle finanze personali. "Nel complesso, i dati sono abbastanza forti da confortare l'idea di una crescita dei consumi che prosegue, anche se il passo rallenterà durante il resto dell'anno", dice Richard Curtin, direttore dei sondaggi, in una dichiarazione.

La fiducia dei consumatori è considerata un'approssimazione per le intenzioni di spesa dei consumatori stessi, che alimentano il 70% dell'economia americana. Sebbene preoccupati, gli americani sono anche incoraggiati dalle notizie più recenti e quelli che dicono di sentir parlare di creazione di nuovi posti di lavoro equivalgono ormai numericamente a quelli che dicono di sentir parlare di perdite di posti di lavoro.

Salgono i sotti-indicatori, come quello relativo alle condizioni dell'economia in generale, quello delle aspettative dei consumatori, cala quello relativo alle attese di inflazione.