MONETARIO - Cosa succede oggi lunedì 7 giugno ore 8,40

lunedì 7 giugno 2010 08:43
 

(Aggiunte precedute da **)

* I ministri delle Finanze dell'Eurogruppo che si incontrano oggi a Lussemburgo dovrebbero approvare nuove regole di bilancio Ue che porteranno in futuro a sanzionare i paesi con debito eccessivo come avviene ora per il disavanzo. In serata una speciale task force di ministri, incluso Giulio Tremonti, si confronterà sul tema del rafforzamento del governo economico dell'area euro. I ministri si concentreranno su cambiamenti che non richiedano modifiche dei trattati, con l'obiettivo di sottoporre le novità ai leader Ue nel vertice del 17 giugno.

** Termina oggi la sessione speciale che da ieri vede il governo tedesco impegnato a esaminare misure di risanamento dei conti pubblici. Secondo il Financial Times ieri sera il governo del Cancelliere Angela Merkel era vicino a un accordo che dovrebbe consentire di tagliare il disavanzo di 10 miliardi l'anno fino al 2014. Tra le misure proposte la soppressione della tredicesima per i dipendenti pubblici quest'anno e il taglio di 10.000 posti entro il 2014 accanto a una riduzione significativa dei militari di carriera.

* L'Eurogruppo è chiamato inoltre ad approvare l'accordo tecnico sul funzionamento del veicolo - parte del piano anti-crisi concordato circa un mese fa - che si indebiterà sui mercati con la garanzia di tutti i membri dell'euro per fornire prestiti d'emergenza ai paesi in difficoltà. L'intesa raggiunta in sede tecnica, secondo fonti, prevede che non sia necessario il via libera dei parlamenti prima di ogni intervento. Il rating del nuovo emittente potrebbe anche più basso della tripla 'A' cui si punta [ID:nLDE6531MU].

* Il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi incontra oggi il vicepresidente della Commissione Ue Viviane Reading dopo il nuovo monito di Bruxelles sulla parificazione dell'età pensionabile tra uomini e donne nel pubblico impiego. Ieri il ministro Renato Brunetta, parlando a Rtl 102.5, ha detto che la questione verrà discussa nel prossimo consiglio dei ministri e che la soluzione potrebbe essere una data intermedia tra il 2012 chiesto dalla Ue e il 2018 cui puntava il governo. "Non il 2018, non il 2012, probabilmente un'interessante via di mezzo", ha detto il ministro della Funzione pubblica. La scorsa settimana Brunetta aveva detto che sarebbe stato possibile un intervento nell'ambito della manovra.   Continua...