MONETARIO - Cosa succede oggi giovedì 20 maggio

giovedì 20 maggio 2010 07:59
 

* Dopo la decisione a sorpresa della Germania di vietare il trading allo scoperto su governativi, cds e azioni delle pricipali istituzioni finanziarie del paese, la questione del funzionamento dei mercati finanziari balza in cima all'agenda politico-finanziaria europea. Il tema sarà al centro della discussione a partire già da oggi. Tra i vari appuntamenti, a Berlino, la conferenza internazionale sulla supervisione dei mercati finanziari, con il ministro tedesco Schaeuble e la collega francese Lagarde, il governatore della Bundesbank Weber, Gurria dell'Ocse e l'eurocommissario Barnier. Le conclusioni sono affidate al cancelliere Merkel. Nel pomeriggio la conferenza stampa. A Bruxelles conferenza Bce sulla crisi finanziaria, con introduzione di Trichet e la partecipazione di Constancio, Stark, Wellink, Tucker della Banca Inghilterra e Hildebrand della banca centrale svizzera.

* Il numero uno dell'Eurogruppo Juncker, parlando a Tokyo questa notte, si è detto preoccupato dal rapido deprezzamento mostrato recentemente dall'euro, anche se la situazione attuale - ha aggiunto - non richiede un intervento congiunto sul mercato valutario da parte delle banche centrali.

* Il membro spagnolo della Bce Gonzales-Paramo, in un'interivsta al Sole 24 Ore, afferma che la exit strateguy della banca centrale non cambia, quello che cambia è la tempistica e la velocità degli interventi. Gonzales-Paramo conferma che i tassi all'1% vengono considerati opportuni per la situazione attuale, mentre riguardo al divieto tedesco di operare allo scoperto sul mercato, dice che è troppo presto per valutare le conseguenze sulla partecipazione delle banche alle aste di titoli di stato o alle operazioni di rifinanziamento della Bce.

* Sui quotidiani italiani emergono i primi dettagli della manovra che Tremonti presenterà oggi al consiglio dei ministri. Ci saranno tagli alla spesa del personale delle pubbliche amministrazioni, compresi gli stipendi dei manager che guadagnano tra 80.000 e 100.000 euro, il blocco del turnover e lo stop al rinnovo del contratto triennale al centro della manovra. Un'altra stretta è prevista per i trasferimenti agli enti territoriali (4 miliardi in due anni), mentre sul fronte previdenziale ci sarà un intervento, a partire dal 2011, sulle finestre per il pensionamento (una misura che dovrebbe garantire risparmi per 1,5 miliardi l'anno).

* Tra i dati economici della giornata si segnalano quelli italiani di marzo su fatturato industriale (-2,6% su mese e +4,2% su anno in febbraio) e ordinativi (-0,4% su mese e +5,6% su anno in febbraio). Focus anche sulla fiducia dei consumatori nella zona euro in maggio (indice a -15,2 in aprile). Negli Usa da seguire in particolare il leading indicator di aprile (atteso un +0,2% dopo il +1,4% del mese precedente) e l'indice di fiducia delle imprese della Fed di Filadelfia (stimato a 22 punti in maggio dai 20,2 di aprile).

* Seduta ricca sul fronte del mercato primario dei titoli di stato in Europa. L'Italia ha in programma un'operazione di concambio con la riapertura del Btp agosto 2017 e il riacquisto di Btp a breve (febbraio 2011, agosto 2011, settembre 2011 e febbraio 2012) e Cct novembre 2011. La Francia offre Btan per 7-8 miliardi di euro sulle scadenze settembre 2012, gennaio 2014 e gennaio 2015, più Oat indicizzati luglio 2022. Altri 2,5-3,5 miliardi arriveranno dal collocamento di Bono spagnoli decennali e 3,25 miliardi di sterline dalla Gran Bretagna con titoli di stato decennali.   Continua...