RPT-MONETARIO - Cosa succede oggi giovedì 15 aprile

giovedì 15 aprile 2010 10:31
 

(specifica che Tankan giapponese pubblicato oggi è condotto da Reuters)

* In un clima che resta improntato all'incertezza, in merito ai tempi di richiesta e avvio degli aiuti europei e del Fmi alla Grecia, a Francoforte si riunisce la Commissione Straordinaria del Parlamento europeo sulla crisi finanziaria.

* La Bce pubblica il bollettino mensile di aprile, che normalmente conferma l'impostazione data in occasione dell'ultimo meeting di polica monetaria. La Bce ha ribadito la settimana scorsa, dopo aver tenuto i tassi invariati all'1%, di prevedere una crescita limitata e disomogenea all'interno della zona euro nel 2010. Nel frattempo Francoforte continua a tracciare il percorso di progressiva rimozione degli interventi straordinari sulla liquidità, mentre Trichet ha nuovamente ripetuto di non considerare l'ipotesi di un default greco.

* Ancora aste in agenda nella zona euro, dopo gli oltre 20 miliardi di nuova carta arrivati ieri sul mercato, massimo importo giornaliero da inizio anno. Focus oggi sulle emissioni francesi: fino a 10,3 miliardi di euro di Btan a medio termine e di Oati indicizzati all'inflazione. Fuori da eurozona, asta in Gran Bretagna di Treasury Stock 2042 per 900 milioni sterline, cedola 0,625%.

* Sul fronte macroeconomico si guarderà, in Europa, al dato Istat sulla bilancia commerciale italiana di febbraio (in gennaio deficit pari a 165 milioni) e all'inflazione spagnola di marzo: previsto un indice Cpi in crescita dello 0,7% su mese e dell'1,4% su anno (-0,2% e +0,8% rispettivamente in febbraio). Più ricco il panorama dei dati Usa. Oltre alle nuove richieste di sussidi di disoccupazione (previste in lieve calo la scorsa settimana a 440.000 da 460.000), particolare attenzione andrà alla produzione industriale, per ricavare indicazioni su quanto la ripresa eocnomica americana sia accompagnata da un rafforzamento della base manifatturiera interna. La stima per marzo è di un incremento dela produzione industriale dello 0,7% (+0,1% in febbraio).

  Continua...