4 febbraio 2010 / 06:40 / 8 anni fa

MONETARIO - Cosa succede oggi giovedì 4 febbraio

* Nuova riunione mensile Bce sui tassi sullo sfondo delle continue evoluzioni della crisi finanziaria dominate dal dossier Grecia, mentre il nervosismo dei mercati finanziari penalizza ancora l‘intero panorama dei ‘periferici’ Italia compresa.

In ragione di una ripresa economica sotto tono e deboli pressioni sui prezzi più che scontato un nulla di fatto in materia di tassi, fermi a 1% ormai da maggio scorso

Prevedibile invece che in sede di conferenza stampa - alle 14,30, dopo il verdetto di politica monetaria delle 13,45 - le domande tornino a concentrarsi sulla tensione dei conti pubblici ateniesi e l‘impatto su mercati come quello portoghese e spagnolo

* Tre quarti d‘ora prima di quello Bce il verdetto sui tassi di Banca d‘Inghilterra, che dovrebbe confermare il costo del denaro sull‘attuale minimo di 0,5% e mantenere a 200 miliardi di sterline il programma ‘quantitative easing’ di acquisto di titoli del Tesoro

* Ancora una giornata di aste per i titoli di Stato europei: la Francia offre 7-8 miliardi complessivi di titoli con scadenze ottobre 2016, aprile 2020 e aprile 2035.

Dal Tesoro spagnolo in arrivo invece Bono per 2-3 miliardi di euro, aprile 2013

* Quotazioni petrolifere stabili in Asia su quota 77 dollari il barile. L‘aumento delle scorte di greggio negli Usa ha fatto capire come in questo momento la ripresa economica non si stia ancora traducendo in una maggiore domanda di prodotti energetici. Attorno alle 7,00 il contratto a marzo del greggio Usa quota a 76,80 dollari, in calo di 18 centesimi. Il medesimo contratto sul Brent tratta a 75,65 dollari, -27 centesimi.

* Seduta in flessione ieri per i Treasury Usa. L‘ok dell‘Unione europea al piano fiscale greco ha contribuito a sollevare in parte i timori creditizi legati all‘Europa, diminiuendo di conseguenza l‘interesse sul governativo Usa come titolo sicuro. Le attese di un buon dato, domani, sulla disoccupazione Usa, hanno ulteriormente messo sotto pressione i Treasury.

Il decennale benchmark ha lasciato sul terreno 15/32, a 97-12/32, rendimento al 3,71%.

* Le banche cinesi hanno concesso in gennaio oltre 1.500 miliardi di yuan (circa 220 miliardi di dollari) di nuovi prestiti. Lo scrive il China Business News, citando fonti anonime. Si tratterebbe di un dato inferiore a quello del gennaio 2009 (1.620 miliardi di yuan), ma più ampio rispetto a quanti riportato dalla stampa cinese alcuni giorni fa: la rivista Caing parlava di meno di 1.100 miliardi di yuan al 28 gennaio, per effetto delle misure restrittive messe in atto dalla banca centrale.

DATI MACROECONOMICI

GERMANIA

* Ordini industria dicembre - attesa 0,2% su mese (12,00)

USA

* Nuove richieste settimanali sussidi disoccupazione - attesa 460.000 (14,30)

* Costo lavoro, capacità produttiva trim4 - attesa -2,5% per costo lavoro, 6,0% produttività (14,30)

* Ordini all‘industria, revisione durevoli e nuovi ordinativi dicembre - attesa 0,5% per commesse industria (16,00)

ASTE TITOLI DI STATO

FRANCIA

* Agence France Tresor offre 7-8 miliardi Oat ottobre 2016 5%, aprile 2020 3,50% e aprile 2035 4,75%

SPAGNA

* Tesoro offre 2-3 miliardi Bono aprile 2013 2,30%

BANCHE CENTRALI

ZONA EURO

* Consiglio mensile politica monetaria Bce: annuncio decisione tassi (13,45) e conferenza stampa (14,30)

GRAN BRETAGNA

* Banca Inghilterra termina riunione politica monetaria, annuncio decisione tassi (13,00)

USA

* A Oklahoma intervento Hoenig, Fed Kanas City, su prospettive economia e politica monetaria (20,00)

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below