MONETARIO - Cosa succede oggi mercoledì 3 febbraio

mercoledì 3 febbraio 2010 07:37
 

* Riflettori puntati su Bruxelles, da cui sono in arrivo le raccomandazioni ufficiali Ue ad Atene per la correzione del disavanzo eccessivo. Il premier greco Papandreou ha dichiarato ieri che il paese è vittima di un attacco apeculativo senza precedenti, mentre il responsabile alle Finanze Papaconstantinou ha definito le difficoltà di bilancio nazionali un problema per l'intera zona euro, arrivando a ipotizzare che altri paesi come Spagna e Portogallo potrebbero presto trovarsi in difficoltà di bilancio simili alle attuali in Grecia

* Sul fronte macro l'appuntamento principale è con le indagini congiunturali sullo stato di salute del comparto dei servizi su entrambre le sponde dell'Atlantico. Per quanto riguarda l'Italia, le attese raccolte da Reuters prospettano che l'indice di fiducia dei direttori acquisto del terziario mostri a gennaio un rallentamento di un punto pieno da dicembre a quota 52,9

* Ieri l'agenzia di rating Moody's ha detto in un comunicato che l'amministrazione Obama ha preso qualche misura per rendere sostenibile il debito, ma è necessario fare di più per mantenere al livello di 'Tripla A' il rating degli Stati Uniti. Con l'aumento dei tassi di interesse e la crescita del debito "la sostenibilità peggiorerà in modo maggiore" ha detto l'agenzia.

* Due delle maggiori banche cinesi hanno aggressivamente richiamato prestiti nella seconda metà di gennaio in linea con la direttiva del governo di ridurre il credito. Lo dice un gionale locale. Gli organismi di controllo hanno imposto alle banche limitate quote di prestiti e hanno iniziato a domandare un rapporto quotidiano dei volumi dei prestiti per evitare un aumento del credito all'inizio dell'anno e tenerli equilibrati nei mesi prossimi.

* Il prezzo del greggio sul finire della seduta asiatica è in lieve calo dopo che ieri ha visto il maggior rialzo in 4 mesi sulla scia del rialzo delle scorte petrolifere Usa che ha ridato ottimismo circa una ripresa della domanda. Ieri sono stati resi noti i dati sulle scorte da parte dell'Api e oggi sarà la volta dell'Eia. Il contratto a marzo sul greggio Usa quota attorno alle ore 7,30 italiane è a 77,17 dollari in calo di 6 centesimi. Lo stesso contratto sul brent è a 75,98 dollari in calo di 8 centesimi.

* I Treasuries Usa ieri hanno chiuso in leggero rialzo, dopo un movimento in un range stretto poichè gli investitori sono in attesa dell'annuncio delle nuove aste del Tesoro Usa più tardi oggi e del dato sull'occupazione di gennaio venerdì.

Il decennale benchmark ha chiuso ieri a 97-28/32 in rialzo di 6/32 per un rendimento del 3,635%.   Continua...