Consumi, a novembre +1,7% su anno, +0,3% su mese - Confcommercio

venerdì 8 gennaio 2010 10:18
 

ROMA, 8 gennaio (Reuters) - Nel mese di novembre l'Indicatore dei consumi di Confcommercio (Icc) è cresciuto dell'1,7% su base annua dello 0,3% su mese, cifre che evidenziano una tendenza al miglioramento.

"Il quadro economico generale continua, peraltro, ad essere caratterizzato da alcuni elementi critici, soprattutto sul versante del mercato del lavoro. Ciò porta ad ipotizzare una fase di recupero dell'economia molto contenuta anche nei prossimi mesi", si legge nella nota dell'associazione dei commercianti.

La crescita di novembre rispetto allo stesso mese 2008, che vede i servizi su dello 0,5% e i beni del 2,1%, riflette la domanda di beni e servizi per la mobilità, che balzano del 22,8% grazie alla vendita di auto e motocicli per l'approssimarsi della fine degli incentivi. Positivo anche il settore della cura della persona, che segna un +2,1%, mentre tutte le altre voci dell'Icc sono negative, con i beni e servizi ricreativi che segnano un -1,1%, il settore ristorazione e alloggio -0,4%, beni e servizi per le comunicazioni e Ict domestico -0,5%, abbigliamento e calzature -1,8%, beni e servizi della casa -0,9% e prodotti alimentari -0,5%.

In termini congiunturali l'aumento dello 0,3%, dato dalla componente servizi su dello 0,9% e dei beni dello 0,1%, rispecchia l'andamento sostanzialmente piatto delle voci del paniere dell'Icc. Con l'eccezione della voce beni e servizi per la mobilità in rialzo del 2,5% a novembre rispetto a ottobre, vedono una lieve crescita il settore ristorazione e alloggio (+0,8%) e beni e servizi per le comunicazioni (+0,3%). Piatto il settore della cura della persona, mente registrano un lieve calo prodotti alimentari (-0,2%), abbigliamento e calzature (-0,3%), beni e servizi della casa e beni e servizi ricreativi (-0,4%).

Per quanto riguarda i prezzi di beni e servizi che compongono l'Icc sono saliti su anno dello 0,4%, con la voce servizi che sale dell'1,4% e quella dei beni su dello 0,2%. La dinamica dell'indice in valore ha infine segnato un +2,2%, che scomposto vede i servizi su dell'1,9% e i beni del 2,3%.