PUNTO 4 - Fiat, nessun piano fusione al cda, ma aperti a accordi

venerdì 13 marzo 2009 12:13
 

(Aggiorna quotazione titolo, aggiunge commenti analista, esperto settore da paragrafo 10)

MILANO, 13 marzo (Reuters) - Fiat FIA.MI non sta per sottoporre al Cda nessuna operazione di fusione con altre case automobilistiche, ma sta esaminando opportunità di accordi finalizzati a sinergie produttive e all'accesso a nuovi mercati.

Lo dice in una nota la società automobilistica italiana, di fatto smentendo il fermento provocato da un articolo di stamane de Il Sole 24 Ore sull'esistenza di un piano di fusione con il gruppo francese Peugeot-Citroen (PEUP.PA: Quotazione).

Il titolo in borsa resta tuttavia ben comprato a quasi +5,6% contro uno stoxx di settore che sale dell'1,77% e un S&P/MIB .SPMIB a +2,11%. Peugeot guadagna l'1,26%.

"Fiat non sta per sottoporre all'esame del consiglio di amministrazione alcuna operazione di fusione con altre imprese del settore automotive", scrive la società nella nota.

Secondo il quotidiano finanziario l'AD Sergio Marchionne stava valutando se e quando presentare in consiglio la proposta di una fusione che avrebbe tuttavia mantenuto inalterata la struttura produttiva in Italia per non intaccare i livelli occupazionali.

Il costo della fusione, scrive il Sole, sarebbe sulle spalle dei francesi che in cambio manterrebbero il quartier generale a Parigi restando però sotto la guida operativa di Marchionne. L'ipotesi più probabile secondo il giornale vede un'integrazione tra le attività auto di Fiat e quelle di Peugeot, mentre non sono dati termini finanziari.

Dalla casa automobilistica francese è arrivato un 'no comment'. "La nostra posizione è quella di non commentare le voci di fusione tra case automobilistiche", ha affermato un portavoce Peugeot, ribadendo quanto detto pochi giorni fa al salone dell'auto di Ginevra.   Continua...