MONETARIO - Cosa succede oggi venerdì 14 agosto

venerdì 14 agosto 2009 07:34
 

* Dopo i dati di Germania, Francia e zona euro e, la settimana scorsa Italia, arriva oggi dalla Spagna la stima flash del Pil del secondo trimestre. La crescita economica della zona euro ha visto una contrazione minore delle attese, aiutata dai risultati di Germania e Francia. Per la Spagna le attese sono di un calo congiunturale dello 0,9% e di uno tendenziale del 4%.

* Il direttore generale di Confindustria ha detto in un'intervista a Il Messaggero che per l'Italia ci si attende un Pil nel terzo trimestre "positivo anche se di pochi decimali".

* Alcuni membri del board della Banca del Giappone hanno fatto presente che la banca potrebbe porre termine e rivedere le misure non convenzionali avviate per combattere le ristrettezze del credito quando esse scadranno a dicembre, sempre che le condizioni continueranno a migliorare. Lo dicono le minute della riunione del 14 e 15 luglio scorsi. Tuttavia altri membri hanno detto che tali misure potrebbero essere estese se le condizioni non miglioreranno sufficientemente.

* Gli industriali manifatturieri in Giappone sono stati leggermente meno pessimisti in agosto, ma il ritmo di ripresa è rallentato, segno che gli effetti degli stimoli governativi si sono esauriti. Emerge dall'indice Reuters Tankan di agosto che ha mostrato un -42, in rialzo per quattro mesi di fila dopo un minimo storico a marzo scorso a -78.

* Il prezzo del greggio sul finire della seduta asiatica è in rialzo, in linea con la ripresa delle borse, poichè gli investitori sono più ottimisti circa la possibilità di recupero generale e di uscita dalla recessione. Il contratto futures a settembre sul greggio Usa è a 70,81 dollari il barile in rialzo di 29 centesimi. Lo stesso contratto sul Brent è a 73,64 dollari in rialzo di 16 centesimi. * I Treauries Usa hanno chiuso in rialzo ieri sera, sulla scia di dati deboli relativi alle vendite al dettaglio e al mercato del lavoro Usa, insieme al buon risultato dell'asta sui titoli a 30 anni. Questi ultimi sul mercato hanno chiuso a 96-2/32 in rialzo di 1-27/32 con un rendimento del 4,431%. Il decennale ha chiuso a 100-5/32 in rialzo di 1/32 e rende il 3,606%.   Continua...