Gran Bretagna, Boe vede inflazione sotto target 2% in 2 anni

mercoledì 12 agosto 2009 12:39
 

LONDRA, 12 agosto (Reuters) - L'inflazione inglese sarà molto al di sotto del target del 2% in due anni se i tassi di interesse salirano nel primo trimestre del 2010. Lo comunica la Banca di Inghilterra, suggerendo che i mercati stanno scontando un aumento dei tassi troppo presto.

Nel report trimestrale sull'inflazione, le proiezioni della Boe mostrano che i prezzi al consumo cresceranno circa dell'1,4% in due anni se i tassi seguiranno il percorso segnato dalle aspettative del mercato, crescendo allo 0,7% nel primo trimestre 2010 e continuando poi a salire.

Ma assumendo che i tassi di interesse restino fermi al minimo di 0,5% e che la Boe raggiunga il suo target di 175 miliardi di sterline di "quantitative easing", "il rischio che l'inflazione sia sotto o sopra il target del 2% sull'orizzonte dei due anni è ampiamente bilanciato, anche se il sentiero dell'inflazione è in crescita".

Le ultime previsioni sono destinate a far aumentare le aspettative che la banca mantenga i tassi stabili per qualche tempo o addirittura che possa ulterioremente aumentare il programma di "quantitative easing" per far tornare l'economia a una forte crescita.

Mentre il profilo dell'inflazione è simile a quello presentato in maggio, l'outlook per la crescita è "in qualche misura più forte" grazie agli extra-stimoli.

Il grafico della Boe mostra che la crescita tornerà a fine anno per avvicinarsi poi al 3% in due anni.

"Gli stimoli dovrebbero condurre a una lenta ripresa dell'attività economica ma i tempi e l'intensità di questa ripresa sono ancora fortemente incerti" ha detto al Boe.