Usa, disavanzo commerciale marzo aumenta meno delle attese

martedì 12 maggio 2009 14:56
 

(Notizia in italiano con dettagli)

WASHINGTON, 12 maggio (Reuters) - Il disavanzo commerciale Usa a marzo è cresciuto meno delle attese, con le esportazioni in calo del 2,4% e le importazioni in discesa per l'ottavo mese consecutivo.

I dati governativi mostrano un deficit commerciale in aumento a 27,6 miliardi di dollari dai 26,1 miliardi (rivisti al rialzo) di febbraio, punto più basso da novembre 1999.

A marzo il deficit commerciale è salito per la prima volta in sette mesi, ma gli analisti si aspettavano un incremento ancora maggiore a 29 miliardi di dollari.

Segnalando una persistente debolezza della domanda Usa nel primo trimestre, le importazioni di beni e servizi a marzo sono calate dell'1% a 151,2 miliardi, il livello più basso da settembre 2004.

Le importazioni di beni sono state le più basse da aprile 2004 e sottocategorie quali prodotti non petroliferi, forniture e materiali industriali e beni capitali hanno toccato i minimi rispettivamente da febbraio, maggio e luglio 2004.

I bassi prezzi del petrolio hanno continuato a tenere a bada il valore delle importazioni, anche se i prezzi medi sono saliti a marzo di oltre 2 dollari a barile a 41,36 dollari.

La media mensile resta comunque meno della metà dei livelli di marzo 2008 di 89,85 dollari a barile, tenendo la bolletta petrolifera di marzo poco sopra i 16 miliardi di dollari contro i 33,1 miliardi dello stesso mese dell'anno precedente.   Continua...