Produzione indica ripresa più robusta,smentite Cassandre-Scajola

venerdì 11 settembre 2009 16:29
 

ROMA, 11 settembre (Reuters) - Il dato della produzione industriale di luglio, con un incremento dell'1% su mese sopra le attese, segnala che la ripresa è iniziata, è più robusta del previsto e smentisce le Cassandre che parlando di ripresa lente e rischi per l'occupazione.

Lo ha detto il ministro dello sviluppo Claudio Scajola in una nota.

"L'aumento dell'1% della produzione industriale in luglio, superiore alle previsioni, e l'incremento del 5%, sempre a luglio, delle esportazioni verso i Paesi extraeuropei sono due segnali molto incoraggianti perché non indicano solo che la ripresa è iniziata, ma anche che è più robusta del previsto", ha detto Scajola, sottolineando che questi dati "smentiscono le molte Cassandre che oggi, non potendo negare i segnali di ripresa, affermano che il recupero sarà molto lento e ciò avrà pesanti riflessi occupazionali".

Mercoledì Confindustria ha aggiornato le proprie stime macroeconomiche indicando che la ripresa, attesa per il 2010, sarà lenta e difficoltosa e che dal quarto trimestre del 2008 al quarto trimestre 2010 si saranno persi 700 mila occupati.

Già lo scorso febbraio il ministro Scajola se l'era presa con le previsioni di Confindustria dicendo che era ora di finirla "con questi corvi".

"Sono perplesso per gli scenari diffusi da Confindustria ogni volta che escono valutazioni di organismi internazionali", aveva detto in quell'occasione il ministro riscontrando la revisione al ribasso della stima del Pil di Confindustria indicata sotto il -2,5% per il 2009 mentre il governo prevedeva -2%.

Oggi Confindustria vede un calo del Pil nel 2009 del -4,8% e un rimbalzo nel 2010 dello 0,8%. Il governo ha pure aggiornato le proprie stime macroeconomiche a -5,2% per il 2009 e +0,5% per il 2010.