Germania, Imk taglia stime Pil 2009 a -6,5% da -5% visto a marzo

giovedì 9 luglio 2009 11:15
 

BERLINO, 9 luglio (Reuters) - L'istituto economico Imk ha tagliato le stime sul Pil tedesco nel 2009 a -6,5% dalle previsioni precedenti di marzo a -5%.

La notizia arriva contemporaneamente all'indiscrezione rivelata da un funzionario del governo tedesco sulla possibilità di uscire dalla recessione nel secondo trimestre di quest'anno.

"Il prodotto interno lordo potrebbe risultare piatto o addirittura in lieve crescita nel secondo trimestre", ha riferito a Reuters la fonte che ha preferito mantenersi anonima. "Non si tratta ancora di una ripresa, ma solo di una normalizzazione successiva a un grande calo".

L'economia tedesca ha registrato una contrazione record del 3,8% su trimestre nei primi tre mesi dell'anno ed è dal secondo trimestre 2008 che si muove all'insegna della contrazione.

Il governo ha previsto un calo annuale del 6% nel 2009, un risultato che si presenterebbe come sette volte peggiore di quello di ogni altro anno dalla Seconda guerra mondiale in poi.

Alcuni indicatori economici pubblicati negli ultimi tempi hanno suggerito che la Germania stia iniziando a uscire da quel crollo che ha danneggiato in modo particolarmente duro il settore manifatturiero.

L'ufficio federale di statistica dovrebbe pubblicare le stime preliminari sul Pil del secondo trimestre il 13 agosto.