Cina,export e import a dicembre calano meno del previsto dopo flessione yuan

mercoledì 13 gennaio 2016 08:15
 

PECHINO, 13 gennaio (Reuters) - Il commercio cinese è sceso a dicembre ma molto meno delle attese, con l'export rivelatosi migliore di molti Paesi della regione, dopo che Pechino ha permesso un deprezzamento dello yuan, mettendo in luce i timori di una guerra valutaria tra le economie asiatiche.

"I dati sul commercio sostengono la nostra opinione che, nonostante le turbolenze sui mercati finanziari cinesi, non vi è stato un significativo deterioramento dell'economia negli utlimi mesi", spiega Daniel Martin, economista senior per l'Asia di Capital Economics.

Il mese scorso l'export è sceso dell'1,4% rispetto all'anno precedente, molto al di sotto delle attese del sondaggio Reuters che convergeva su una flessione dell'8%, rispetto al calo del 6,8% di novembre.

Le importazioni sono calate del 7,6%, in flessione per il 14esimo mese di fila ma non in modo così massiccio come si temeva. Gli economisti avevano previsto un calo dell'11,5%, dopo il -8,7% di novembre.

La bilancia commerciale evidenzia un avanzo di 60,09 miliardi di dollari in dicembre, dai 54,1 del mese precedente.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia