Bce, aumentano rischi non raggiungimento target inflazione - verbali

giovedì 19 novembre 2015 13:59
 

FRANCOFORTE, 19 novembre (Reuters) - La Bce rileva un aumento dei rischi di un mancato raggiungimento del target di inflazione, secondo quanto emerge dai verbali dell'ultimo meeting di politica monetaria dell'istituto centrale.

Francoforte aggiunge poi che, per quanto producano risultati, le attuali misure di politica monetaria potrebbero non essere sufficienti per il raggiungimento dei livelli desiderati di inflazione, anche perché scarso aiuto arriva dall'esterno, da un processo di riforme strutturali che rimane deludente a da un programma di investimenti della Commissione Ue, il piano Juncker, che stenta a decollare.

Nei resoconti del meeting del 22 ottobre la Bce sottolinea quindi la necessità di evidenziare la propria incapacità di raggiungere gli obiettivi oppure di adottare nuove azioni di peso, possibilmente allargando la gamma degli strumenti.

"Un aggiornamento delle proiezioni di settembre dello staff Bce ha suggerito che ci sono rischi al ribasso rispetto allo scenario base di settembre" spiega la Bce. "I tempi anticipati di una normalizzazione dell'inflazione verso il 2% verranno verosimilmente ancora spostati in avanti, come è stato nel caso delle precedenti proiezioni dello staff".

Francoforte aggiunge che "l'impatto di fattori esterni e l'aumento dell'incertezza sollevano la possibilità che le misure della Bce possano non avere effetti sufficienti per raggiungere gli obiettivi finali".

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia