Italia, adesso governo acceleri sulle riforme - Marcegaglia

lunedì 8 giugno 2009 15:37
 

MILANO, 8 giugno (Reuters) - Dopo le elezioni Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria, rinnova l'appello al governo per la realizzazione di misure concrete e di riforme strutturali necessarie per superare la crisi.

Anche perchè, ha detto nel corso di un intervento all'assemblea di Federchimica, "siamo a giugno, la crisi è iniziata a ottobre, ma di cose concrete nella vita quotidiana delle aziende non c'è quasi niente; non possiamo più attendere".

Secondo la presidente di Confindustria, "bisogna spingere per fare le grandi riforme di cui tutti parlano, ma che in questo paese non si fanno da troppo tempo. Il governo ne ha approntate alcune, ora e' il momento di velocizzarle.

In particolare, è necessario ora "uscire dalla logica di emergenza per passare a una visione di medio termine per capire in anticipo gli effetti che questa crisi avrà".

Secondo Marcegaglia, serve innanzitutto che venga compresa la necessità di preservare il settore manifatturiero in Italia, "vero grande asset del Paese", e che, d'altro canto, si prema l'acceleratore sulle riforme. I disegni di legge dei ministri Calderoli e Brunetta per la semplificazione della burocrazia, ad esempio, "sono positivi, ma è importante che non restino solo sulla carta".

C'è poi "moltissimo da fare", ha detto, sulle liberalizzazioni, "bisogna fare meglio e di più" su scuola, università e ricerca. "Saremo alleati del ministro Gelmini (ospite di Federchimica) per riformare l'Università", ha concluso la presidente di Confindustria.