Alitalia, Bersani: con piano Air France 2.150 esuberi, non 7.000

venerdì 8 agosto 2008 12:26
 

ROMA (Reuters) - I 7.000 esuberi in Alitalia che secondo il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi erano previsti nel piano Air France, sono "una menzogna".

Lo ha detto in una nota Pier Luigi Bersani, ministro ombra dell'Economia del Pd, commentando le affermazioni fatte ieri a Napoli da Berlusconi che, parlando di una trattativa in corso per un'alleanza con una compagnia internazionale, ha detto che questa non comporterebbe una svendita con i 7.000 esuberi che erano invece previsti dal piano Air France.

"Alla ricerca di un atterraggio politicamente e sindacalmente morbido si continua a far circolare la leggenda dei 7.000 esuberi del piano Air France", ha detto Bersani aggiungendo che "si tratta notoriamente di una menzogna. Gli esuberi previsti erano 2.150 e non c'era previsione alcuna di bad company".

Anche per Bersani "senza un partner internazionale, che intervenga direttamente e immediatamente" non ci sarà una soluzione vera alla questione Alitalia, e il governo deve "affrettarsi a cercare quello che si era già trovato".

"Ma penso anche che se rimanesse lo schema new-bad company qualcuno sarebbe destinato a pagare e qualche altro a guadagnare. Non mi sembra una prospettiva accettabile" ha concluso Bersani.